Parigi, “Tutti in bici”: la città si trasforma per accogliere la mobilità dolce

sociAle

Alessandro Fumagalli

since 1984, leggo e scrivo e "bloggo" ovunque e in qualunque momento (a volte persino nel sonno :-) ). Convinto che "La vita va affrontata anche in salita" ho aperto un sito di ciclismo e sono arrivato alla sala stampa del Giro d'Italia prima di provare a tramutarmi in web copywriter.
sociAle

Da quando è diventata sindaco di Parigi, Anne Hidalgo ha spinto molto sulla mobilità dolce nella capitale francese: il Vélib‘ è stato potenziato e aperto in via sperimentale anche ai più piccoli, ma si punta a un piano più strutturato e profondo, pronto a rivoluzionare il modo di muoversi in città dei parigini.

a Parigi bike sharing anche per i bambini. Ah, la France..

sociAle

Alessandro Fumagalli

since 1984, leggo e scrivo e "bloggo" ovunque e in qualunque momento (a volte persino nel sonno :-) ). Convinto che "La vita va affrontata anche in salita" ho aperto un sito di ciclismo e sono arrivato alla sala stampa del Giro d'Italia prima di provare a tramutarmi in web copywriter.
sociAle

A Parigi il bike sharing ha aperto le porte anche ai bambini: 300 bici, quattro taglie diverse e tre zone protette dal traffico cittadino (Bois de Boulogne, Bois de Vincennes e lungo-Senna) sono i protagonisti di un esperimento ormai avviato, che punta a far scoprire i vantaggi della mobilità dolce fin dall’infanzia.