Un bambino, una parola plausibile, una maestra, l’Accademia della Crusca e internet: ecco come “petaloso” entra nottetempo nella lingua italiana!

sociAle

Alessandro Fumagalli

since 1984, leggo e scrivo e "bloggo" ovunque e in qualunque momento (a volte persino nel sonno :-) ). Convinto che "La vita va affrontata anche in salita" ho aperto un sito di ciclismo e sono arrivato alla sala stampa del Giro d'Italia prima di provare a tramutarmi in web copywriter.
sociAle

Mercoledì, su buonanuova.it, è il giorno delle storie, e la storia di oggi non può che essere quella di Matteo, un bambino di Copparo (FE) diventato in poche ore una star su Twitter per aver inventato una parola: petaloso. Anzi: #petaloso! Se non l’avete mai sentita, o pensate che neppure esista, è il momento che […]