Champions rinviata, i tifosi di casa ospitano gli avversari: succede a Dortmund, è #bedforawayfans!

sociAle

Alessandro Fumagalli

since 1984, leggo e scrivo e "bloggo" ovunque e in qualunque momento (a volte persino nel sonno 🙂 ). Convinto che "La vita va affrontata anche in salita" ho aperto un sito di ciclismo e sono arrivato alla sala stampa del Giro d'Italia prima di provare a tramutarmi in web copywriter.
sociAle

Martedì 11 aprile 2017, serata di Champions League.

Per i quarti di finale, alle 20.45 sono in programma due partite: Juventus-Barcellona (che finirà 3-0) e Borussia Dortmund-Monaco.

Mentre il pullman della squadra tedesca sta raggiungendo il Signal Iduna Park, stadio teatro della sfida, esplode un ordigno. Un vetro va in frantumi, un passeggero (un calciatore) resta ferito in maniera non grave.

La polizia parla di atto terroristico, e siccome a situazioni del genere stiamo ormai (purtroppo) facendo l’abitudine scattano tutti i dispositivi di sicurezza, compreso il rinvio della partita (a mercoledì ore 18.45, per la cronaca).

I tifosi ospiti, che alle 19.15 dell’attentato avevano già riempito il proprio settore, cantano “Dortmund Dortmund” come segno di vicinanza agli avversari.

Il Borussia, dal canto suo, lancia un hashtag che sarebbe bello passasse alla storia come uno dei più riusciti da che esiste Twitter.

#bedforawayfans

Ossia, offriamo un letto ai tifosi ospiti, visto che devono star qui un giorno in più per seguire i propri beniamini.

Perché è vero che esistono Tripadvisor e AirBnB, e Booking (etc.) e in un attimo si può trovare una sistemazione anche senza spendere una follia. Ma mettere, da tifosi, la propria casa a disposizione di altri tifosi, è ancora più bello!

Queste foto lo dimostrano 😉

Ora: non sappiamo come andrà la partita di oggi, e neppure ci interessa particolarmente. Ma sappiamo che in questa vicenda c’è già un vincitore: lo sport, nella sua forma più nobile.

Che bello se fosse sempre così..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *