Fondazione Sacra Famiglia: a Cesano Boscone la Porta Santa è sempre aperta per chi ha bisogno

sociAle

Alessandro Fumagalli

since 1984, leggo e scrivo e "bloggo" ovunque e in qualunque momento (a volte persino nel sonno 🙂 ). Convinto che "La vita va affrontata anche in salita" ho aperto un sito di ciclismo e sono arrivato alla sala stampa del Giro d'Italia prima di provare a tramutarmi in web copywriter.
sociAle

Ci sono storie e associazioni di cui si parla meno di quanto meriterebbero, eppure il loro contributo alla società è sicuramente più indispensabile di quanto lo sia il “lato B” di Belen o il quinto scudetto consecutivo della Juventus – giusto per citare due argomenti che vanno per la maggiore in questo momento. Proviamo allora noi a rimediare, con la nostra piccola voce, a questa grande lacuna, e guidarvi alla scoperta della Fondazione Sacra Famiglia di Cesano Boscone.

Questo Comune della cintura milanese più prossima è balzato agli onori delle cronache qualche mese fa, quando è stato indicato come destinazione del condannato – alla pena dei lavori socialmente utili – Silvio Berlusconi. Ma a Cesano Boscone si fa assistenza a chi soffre da molto prima: è dal 1896, infatti, che esiste una città dentro la città pensata per aiutare i disabili (più o meno gravi) e sostenere le loro famiglie.

fondazione-sacra-famiglia-cesano-bosconeSì, perché – specialmente all’inizio del secolo scorso, ma in maniera diversa anche oggi – chi ha un figlio portatore di handicap si trova praticamente solo al cospetto della società: deve sobbarcarsi cure molto care, magari ristrutturare casa per eliminare le barriere architettoniche, trasformare il proprio stile di vita e i propri ritmi per farli respirare insieme a quelli della persona che ha bisogno, e anche per questo viene spesso messo ai margini. Succede oggi, figuratevi cosa poteva essere nella civiltà contadina dei primi del Novecento..

Ecco: la Fondazione Sacra Famiglia offre un conforto a queste persone, impegnandole in attività educative e inclusive che non le facciano sentire diverse e lontane dalla società bensì all’altezza di poterla affrontare, pur con delle peculiarità doverosamente diverse rispetto a quelle che investono i “normali”.

Nell’anno della misericordia, poi, a Cesano Boscone – e all’interno delle strutture della Fondazione Sacra Famiglia in particolare – c’è anche una Porta Santa, che può diventare meta dei pellegrinaggi dei milanesi più devoti e attenti a queste cose. Persone che possono scoprire, con l’occasione, anche una realtà che vive e respira molto vicina a loro e della quale però, purtroppo, si parla poco spesso.

Per approfondire il discorso, che sicuramente non ci illudiamo di aver esaurito in poco più di 300 parole, vi invitiamo a visitare il sito ufficiale della ONLUS: c’è tutto un mondo di assistenza, che ha sempre bisogno anche del nostro aiuto, tutto da scoprire e sostenere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *