Panettieri che donano l’invenduto a chi ha bisogno, un fenomeno in aumento: succede anche da voi?

sociAle

Alessandro Fumagalli

since 1984, leggo e scrivo e "bloggo" ovunque e in qualunque momento (a volte persino nel sonno ūüôā ). Convinto che "La vita va affrontata anche in salita" ho aperto un sito di ciclismo e sono arrivato alla sala stampa del Giro d'Italia prima di provare a tramutarmi in web copywriter.
sociAle

Anche oggi la storia che vogliamo raccontarvi parla di condivisione, e di condivisione di un bene primario come il pane. Ok che “non di solo pane vive l’uomo”, come si legge nel Vangelo, ma stiamo parlando comunque di un alimento che esiste da sempre e che da sempre soddisfa una parte importante del bisogno di cibo delle persone.

PaneBene, il pane √® anche protagonista di diverse iniziative di solidariet√†. Non da oggi, niente di nuovo, ma crediamo sia sempre importante gettare un po’ di luce sulle cose belle e buone che succedono nel mondo anzich√© lasciarsi travolgere dalle negativit√†, dalla lamentela, dalla violenza e dall’ingiustizia.

Niente di nuovo, dicevamo, perch√© se lo spreco alimentare √® un problema grosso per il Pianeta, √® vero anche che di pane se ne spreca davvero poco: c’√® chi lo usa come pane vecchio, da grattare, e chi invece lo ricicla per l’alimentazione degli animali (sembra incredibile, ma alcuni ne sono davvero ghiotti come noi).

Ora, però, qualcuno ha cominciato anche a metterlo a disposizione la sera, gratis, per chi ne ha bisogno. In genere lasciando un cesto fuori dal negozio, con tanti sacchetti già divisi, contenenti una razione che chiunque, passando, può raccogliere e mangiare.

Non sono tanti, a oggi, i panettieri che lo fanno; oppure lo fanno solo per un certo periodo di tempo, per evitare di “rovinarsi la piazza”; √® anche giusto che sia cos√¨, se c’√® chi si approfitta di questo gesto di generosit√† per spendere meno – facendo finta di non vedere che questo, in fin dei conti, va a scapito di chi avrebbe davvero bisogno. Per√≤ √® bello sapere che ci sono panettieri generosi, che mettono a disposizione il pane di cui non hanno pi√Ļ bisogno per quelli che invece faticano a trovare di che sfamarsi.

Conoscete iniziative simili nella vostra zona?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *