Il “caso” #petaloso diventa marchio registrato e ONLUS: ecco chi aiuterà!

sociAle

Alessandro Fumagalli

since 1984, leggo e scrivo e "bloggo" ovunque e in qualunque momento (a volte persino nel sonno 🙂 ). Convinto che "La vita va affrontata anche in salita" ho aperto un sito di ciclismo e sono arrivato alla sala stampa del Giro d'Italia prima di provare a tramutarmi in web copywriter.
sociAle

Vi ricordate la storia di petaloso, la nuova parola inventata dal piccolo Matteo che è diventata un caso social (e non solo)? Ne abbiamo parlato anche noi 😉

Come succede a molte altre novità, anche questa non è stata accolta solo con entusiasmo: qualcuno ci ha scherzato sopra, e vabbé; altri hanno provato a innescare una polemica, e – diciamocelo – è stato un vero peccato.

matteo-petalosoLa storia, intanto, continua, con un’evoluzione che non si è guadagnata lo stesso clamore della parola quando è stata inventata ma che è il vero senso di questa bella vicenda: Marco Trovò, padre del piccolo Matteo, ha deciso di depositare e registrare “petaloso” come marchio presso la Camera di commercio di Ferrara.

Per farci soldi, direte voi. Invece no: Marco ha dichiarato che il suo obiettivo è tutelare la parola da tutti quelli che la vorrebbero usare, in modo da cederla in licenza a chi dovesse farne richiesta di commercializzazione solo dopo aver valutato l’idoneità, la “purezza” e la bellezza delle sue intenzioni.

I proventi di questa attività, poi, andrebbero a finanziare una ONLUS. Una ONLUS, naturalmente, attenta ai bambini: sarà questo infatti il vincolo principale che Marco chiederà alle aziende che la vorranno sfruttare, ossia di destinare dei soldi (quelli spesi per l’utilizzo della parola) a opere di beneficenza legate ai bambini nel territorio di Copparo, del ferrarese e della zona.

Ad esempio campi da calcio e teatri, perché questi sarebbero i desideri di Matteo, oppure lavagne interattive multimediali (LIM) per la scuola elementare del ragazzo.

Ecco perché Marco Trovò ha depositato come marchio la parola petaloso: per insegnare a suo figlio che dalla notorietà ottenuta si può tirare fuori qualcosa di tangibile e buono per tutti.

Dite la verità, anche voi che avete storto la bocca quando avete scoperto la storia di petaloso: una piega buona come questa non ve la sareste aspettata, e ora che c’è non vi sembra una #buonanuova?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *