Affittare una stanza libera e arrotondare? Con AirBnB si può, ma è tutto in regola?

sociAle

Alessandro Fumagalli

since 1984, leggo e scrivo e "bloggo" ovunque e in qualunque momento (a volte persino nel sonno 🙂 ). Convinto che "La vita va affrontata anche in salita" ho aperto un sito di ciclismo e sono arrivato alla sala stampa del Giro d'Italia prima di provare a tramutarmi in web copywriter.
sociAle

Il lunedì su buonanuova.it parliamo di condivisione, anzi: di sharing economy!

Questa particolare formula designa i casi in cui chi ha a disposizione qualcosa “in più” lo mette “in circolo”, sfruttando anche internet e le diverse piattaforme che stanno nascendo come funghi nei diversi settori: c’è chi condivide il cibo in scadenza vendendolo a un prezzo più basso, chi offre un passaggio in macchina perché tanto fa sempre lo stesso percorso (facendosi naturalmente pagare il “disturbo”..), etc.

airbnbPoi c’è anche chi ha una stanza a disposizione, magari in una grande città o in una meta turistica; con servizi come AirBnB può offrirla, e mediamente riesce a farlo a un prezzo ben più basso di quello proposto dagli alberghi perché diversamente da loro non ha particolari spese da sostenere. Dall’altra parte, chi affitta risparmia. Buona idea, no?

Il “problema”, semmai, è che così facendo si riescono ad eludere anche i controlli e le tasse: di tante attività presenti su AirBnB solo una minima parte sono note ai Comuni e al fisco, ma questo è il seme di una concorrenza sleale che sarebbe meglio correggere. Regione Lombardia ha già cominciato, anche perché con i mesi di Expo il problema è esploso in tutta la sua drammaticità; ora arriva anche questa inchiesta de La Stampa, a gettare luce su una prassi ormai consolidata e certamente non positiva per il sistema.

AirBnB è sicuramente un’idea eccezionale, sia per chi offre una stanza che per chi ne ha bisogno per viaggiare e vuole spendere il meno possibile; però deve essere regolamentato, o si crea il Far West; voi che ne pensate?

Trackbacks

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *