Combatte lo spreco alimentare e ci aiuta a risparmiare: conoscete LMSC?

sociAle

Alessandro Fumagalli

since 1984, leggo e scrivo e "bloggo" ovunque e in qualunque momento (a volte persino nel sonno 🙂 ). Convinto che "La vita va affrontata anche in salita" ho aperto un sito di ciclismo e sono arrivato alla sala stampa del Giro d'Italia prima di provare a tramutarmi in web copywriter.
sociAle

last-minute-sotto-casaUn tema che Expo 2015 Milano ci ha lasciato in eredità è quello dello spreco alimentare; o meglio, di quanto sia necessario combatterlo e sia possibile farlo cominciando dai piccoli gesti del quotidiano, che oggi si possono “perfezionare” grazie alla tecnologia.

Il “caso” di Last Minute Sotto Casa (noto anche come LMSC) è esemplare, ma.. lo conoscete? Se la risposta è no, proviamo a raccontarvelo noi dopo aver cominciato a scoprirlo per Ultimoprezzo.com

L’idea nasce da un’esigenza, anzi due: da un lato, infatti, ci sono i negozianti, e in particolare i piccoli negozianti, che vendono prodotti freschi ma non hanno il “giro” che può avere una grande superficie commerciale, quindi rischiano di dover buttare via un sacco di cibo quando questo resta invenduto e si avvicina alla scadenza (o all’ammaloramento, se parliamo di latte, ortaggi, frutta, pane..).

Dall’altra parte, naturalmente, ci siamo noi consumatori: vogliamo riuscire a spendere sempre di meno, anche perché il momento non è dei più floridi, e conciliare questa speranza con il desiderio della qualità, e della comodità. Per mancanza di tempo, ci siamo convertiti a supermercati e iper dove si trova di tutto in grandi quantità spendendo relativamente poco, anche se la bottega di quartiere sarebbe sempre il posto più comodo quando servono quelle quattro cose che mancano in frigo.

Beh, Last Minute Sotto Casa mette in contatto questi due mondi; i negozianti possono “caricare” sul sito le specifiche dei prodotti che sarebbero costretti a smaltire presto se restassero invenduti ancora per un po’; dall’altra parte, noi – geolocalizzandoci sul sito o con lo smartphone, mediante l’app -possiamo scoprire quale tra i negozi vicini a noi ha proprio quello che ci interessa e ce lo offre a un prezzo più basso, e lì andare.

A garantire il risparmio, ed evitare lo spreco, è la possibilità di far girare le informazioni e avere un luogo dove tutte queste vengono raccolte, oltre a una struttura in grado di ordinarle e renderle disponibili solo a chi ne può approfittare.

Il portafogli, e un Pianeta sempre più a corto di risorse, ringraziano 😉

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *