Una mamma in ospedale: quello che i poliziotti fanno per i suoi 5 figli è una storia commovente e fuori dal comune!

sociAle

Alessandro Fumagalli

since 1984, leggo e scrivo e "bloggo" ovunque e in qualunque momento (a volte persino nel sonno 🙂 ). Convinto che "La vita va affrontata anche in salita" ho aperto un sito di ciclismo e sono arrivato alla sala stampa del Giro d'Italia prima di provare a tramutarmi in web copywriter.
sociAle

Sulla pagina Facebook della Polizia di Eindhoven è stata pubblicata una foto che in poche ore è diventata virale. Non tanto per lo scatto in sé, quanto per ciò che racconta.

Racconta, infatti, la storia di una squadra di poliziotti davvero speciale, ma andiamo con ordine.

Lo scorso 13 novembre, che tutti ci ricordiamo come il giorno degli infami attentati di Parigi, nel mondo non è successo solo quello.

Ad Eindhoven, in Olanda, una mamma è stata costretta ad andare in ospedale a causa di quello che poi si è dimostrato essere un semplice calo di zuccheri. Quando i soccorsi sono arrivati alla sua abitazione, a seguito della telefonata della donna al numero delle emergenze, hanno trovato anche i suoi 5 figli piccoli che le stavano accanto. Tutti insieme, all’ospedale non ci potevano andare. Ma neanche si sarebbero potuti lasciare i bambini da soli, visto che né il papà né i nonni né altri familiari hanno potuto essere rintracciati. Allora, che si fa? I poliziotti hanno fatto quello che fanno sempre: servire la comunità.

Sono andati in cucina, e hanno cominciato a lavare i piatti e riordinare casa, oltre a essersi presi cura dei bambini. Nel mentre, si sono scattati questa foto che racconta di come siano persone assolutamente normali, e disponibili a rendersi utili dove e quando serve.

Un bel gesto, così come ce ne sono tanti al mondo. Ma è bello anche che ogni tanto questi bei gesti facciano parlare dì sé e di chi li fa, ricordandoci che al mondo c’è tanta bellezza e tanto “bene”, e sia l’una che l’altro aspettano solo di essere scoperti e raccontati 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *