Quanto può essere l’amore di un cane per il suo padrone? Questa storia ce lo ricorda!

sociAle

Alessandro Fumagalli

since 1984, leggo e scrivo e "bloggo" ovunque e in qualunque momento (a volte persino nel sonno 🙂 ). Convinto che "La vita va affrontata anche in salita" ho aperto un sito di ciclismo e sono arrivato alla sala stampa del Giro d'Italia prima di provare a tramutarmi in web copywriter.
sociAle

Paco stava passeggiando al guinzaglio della sua padrona Kelly, lo scorso 23 ottobre, a Jacksonville (Florida); erano le 6 del mattino o poco più, e chissà quante altre volte i due si erano tenuti compagnia a quell’ora, su quella stessa strada, con la prima passeggiata mattutina, quando il sole comincia a salire dall’orizzonte. Che spettacolo!

Uno spettacolo interrotto da un rombo, poi un colpo sordo: un furgone ha travolto Kelly trascinandola per qualche metro, uccidendola sul colpo e troncando la sua vita a soli 42 anni; può darsi che chi era alla guida del veicolo neppure se ne sia accorto, perché non si è neppure fermato e tantomeno le ha prestato soccorso.

Sull’asfalto una scena surreale: Kelly, sdraiata esanime, e accanto a lei il suo cagnolone Paco, steso su un fianco. E’ questo il quadro che si è trovata dinanzi la Polizia, intervenuta sul luogo dopo la telefonata di un passante.

Paco non si è mai mosso: è rimasto lì a vegliare Kelly per tutto il tempo, fino a quando non sono arrivati dei familiari della donna e lo hanno convinto a salire in macchina. Non si è spostato quando è arrivata l’ambulanza, non ha fatto alcun cenno quando la Polizia ha fatto i rilievi sulla scena dell’incidente. Niente: sempre lì, sdraiato su un fianco, con uno sguardo triste e attonito davanti alla scena cui aveva assistito.

cane-fedele

Lì a dimostrare che la sua amicizia per Kelly andrà oltre la morte, con quella fedeltà e quell’affetto di cui i cani sono veri e propri maestri.

Anche voi avete un amico a quattro zampe così? Raccontateci la storia del legame che vi lega, e diteci che cosa lo rende tanto speciale 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *