Idee per rendere un matrimonio speciale? AIRC lancia #UnBuonInvito, la lista nozze solidale. Come funziona?

sociAle

Alessandro Fumagalli

since 1984, leggo e scrivo e "bloggo" ovunque e in qualunque momento (a volte persino nel sonno 🙂 ). Convinto che "La vita va affrontata anche in salita" ho aperto un sito di ciclismo e sono arrivato alla sala stampa del Giro d'Italia prima di provare a tramutarmi in web copywriter.
sociAle

unbuoninvito-aircCi si sposa sempre meno, e personalmente credo proprio non sia una #buonanuova..

Chi si sposa, però, sempre più spesso sceglie di condividere la bellezza e la gioia di quel giorno non solo con i parenti, gli amici, i colleghi e così via, ma anche con chi è meno fortunato: poveri, bisognosi, ammalati..

Le bomboniere solidali sono una pratica ormai consolidata:

  • costano (in genere) meno rispetto a oggetti magari più elaborati, ma che non sempre trovano un’utilità nella casa del destinatario del dono;
  • sono, spesso, originali e fatti a mano;
  • e poi parte del loro costo viene destinata a finanziare importanti progetti di sviluppo, di diverso genere.

Meglio queste o il classico soprammobile in argento che poi tutti si portano a casa, salvo nasconderlo poco dopo nell’angolo più recondito del mobile più inaccessibile del salotto?

Del resto le occasioni speciali sono il momento migliore per fare un po’ di raccolta fondi, e gli sposi (e gli invitati) che vogliono condividere la propria festa con qualcuno che non se la passa altrettanto bene da qualche tempo hanno una freccia in più al proprio arco: è #UnBuonInvito, la lista nozze solidale di AIRC.

Diciamo “lista nozze solidale”, ma in realtà il modello proposto si presta bene anche per altre situazioni: i battesimi, le comunioni, gli anniversari.. Persino i compleanni!

Insomma: tutte le occasioni di festa possono diventare lo spunto e l’opportunità per #UnBuonInvito, e costruirlo (e mandarlo ai propri amici) è davvero semplice. Bastano infatti un computer, una connessione a internet e 10 minuti del nostro tempo!

Come si fa?

Basta collegarsi a questo sito, messo in piedi dall’Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro (AIRC): si inseriscono i dati, si descrive l’evento durante il quale vogliamo condividere la nostra gioia con qualcuno, si può anche personalizzare la pagina e.. via: siamo online!

Poi si può girare l’invito agli amici, aggiornare la pagina con foto e messaggi e vedere l’importo – frutto della generosità dei nostri amici – continuare a salire, con la fiducia di sapere che i soldi raccolti saranno utilizzati per la ricerca sul cancro.

Come donare?

Due le modalità disponibili, carta di credito e PayPal, e questo circoscrive un po’ il campo: per intenderci, nonna difficilmente potrà farvi un regalo diverso dalla classica busta con banconote di taglio pesante..

Ma l’idea di poter condividere in maniera semplice, veloce e utile la propria gioia anche con chi soffre è sicuramente una buona idea. Anzi, una #buonanuova!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *