Aspettando le siringhe senza ago ecco Margherita Fingerguard, l’idea italiana per evitare di bucarsi con gli aghi per errore: scoprite come funziona! [AGGIORNATO il 21 dicembre 2015]

sociAle

Alessandro Fumagalli

since 1984, leggo e scrivo e "bloggo" ovunque e in qualunque momento (a volte persino nel sonno 🙂 ). Convinto che "La vita va affrontata anche in salita" ho aperto un sito di ciclismo e sono arrivato alla sala stampa del Giro d'Italia prima di provare a tramutarmi in web copywriter.
sociAle

margherita-fingerguard[Ultimo aggiornamento il 21 dicembre 2015] Ne abbiamo parlato spesso anche qui, le siringhe fan paura a tanti, non solo tra noi pazienti: anche medici e infermieri devono maneggiarle con molta cautela, sapete? Già, perché se farsi bucare non è mai troppo simpatico, bucarsi accidentalmente lo è ancor meno: apre la strada al contagio dalle malattie o (nella migliore delle ipotesi) a una serie di test clinici per verificare di non aver riportato conseguenze da “incidenti” del genere; si potesse evitare, tanti lo farebbero molto volentieri..

La #buonanuova di oggi è che sì, si può, e il merito per questa innovazione va tutto a una startup italiana, che ha inventato “Margherita Fingerguard“, un dispositivo che evita le punture accidentali.

A guardarlo, non sembrerebbe niente di particolarmente interessante né tantomeno rivoluzionario: si tratta infatti di un cerchio di plastica, anche piuttosto banale, che sta tranquillamente in una mano e ha un bordo spessorato per semplificare la presa e un buco nel centro.

In questo buco si colloca il cappuccio di sicurezza della siringa, e Margherita Fingerguard aiuta a estrarlo (o a reincappucciare) senza il rischio di potersi ferire accidentalmente; non solo: il brevetto consente anche di staccare l’ago dalla sua sede e di gettarlo nel contenitore per la raccolta di “taglienti e pungenti”, migliorando la differenziata e riducendo il consumo dei contenitori.

Margherita Fingerguard è tascabile e leggero: sta tranquillamente nel camice di dottori e infermieri. Inoltre, anche se ha un costo abbastanza importante (40€ + IVA) c’è da dire che si compra una volta per sempre, visto che è riutilizzabile pressoché all’infinito e sterilizzabile tutte le volte che si vuole, anche in autoclave. *

Il mercato di questa innovazione è potenzialmente sterminato: in Europa, ogni anno, 1,2 milioni di persone si feriscono accidentalmente con una siringa, e di questi 100 mila solo in Italia. Ma sono molti di più quelli che, per un motivo o per l’altro, maneggiano siringhe e sono a rischio. Per tutti questi, Margherita Fingerguard è un’ottima soluzione, anzi: una #buonanuova 😉

* Aggiornamento del 21 dicembre 2015

Come ci segnala Stefania nei commenti, il prezzo di Margherita Fingerguard è sceso e ora il prodotto si può acquistare anche con una ventina di euro; inoltre, parlavamo di durata infinita anche se non è poi così vero: c’è una scadenza, comunque molto lunga, a 4 anni di distanza. Infinito no, ma comunque abbondantemente ammortizzabile nel tempo 😉

Commenti

  1. Stefania dice

    Bel prodotto!semplicissimo e funzionale.

    Io l’ho acquistato e lo sto usando molto!

    Ti commento l’articolo perché il prezzo non però di 40 Euro ma è molto meno..praticamente la metà e dura 4 anni (c’è una data di scadenza).

    Ciao

    • Alessandro Fumagalli dice

      Grazie mille Stefania, per il tuo commento e il tuo contributo: può darsi che il prezzo sia calato (e molto) da quando abbiamo pubblicato la news a oggi, il che non fa altro che rendere la notizia una “ancor più buonanuova” 😉 Passiamo ad aggiornare con i tuoi suggerimenti

      A presto, e Buon Natale!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *