crisi, durante le Feste meno sprechi per 6 su 10

sociAle

Alessandro Fumagalli

since 1984, leggo e scrivo e "bloggo" ovunque e in qualunque momento (a volte persino nel sonno 🙂 ). Convinto che "La vita va affrontata anche in salita" ho aperto un sito di ciclismo e sono arrivato alla sala stampa del Giro d'Italia prima di provare a tramutarmi in web copywriter.
sociAle

tavola-nataleNessuno è contento della crisi economica, che ormai ci portiamo appresso da più di 6 anni: i giovani faticano a entrare nel mondo del lavoro, i meno giovani vedono erosi giorno dopo giorno i loro diritti, c’è chi ha fatto le valigie e ha scelto altri lidi per giocarsi le proprie carte, e c’è – purtroppo – un clima di sfiducia che attanaglia molti, e che abbiamo scelto di provare a sconfiggere con le nostre buone nuove. Una di queste arriva proprio dalla crisi.

Secondo uno studio di Coldiretti, infatti, gli italiani durante le Feste hanno tagliato gli sprechi alimentari in 6 casi su 10. Diverse le strategie: c’è chi ha contenuto gli acquisti già all’origine, evitando di imbandire eccessivamente la tavola; c’è chi ha fatto la spesa con un occhio alla qualità e un altro al portafogli; c’è infine chi ha deciso di creare piatti nuovi nei giorni successivi usando gli avanzi del Natale o di Capodanno.

Buone notizie anche per l’economia, visto che la spesa per le abbuffate delle Feste è cresciuta del 6% rispetto al 2013; senza dimenticare che per tutto ciò che è rimasto invenduto, la grande distribuzione sta pensando sempre più a formule di “saldi alimentari” come il 3×2 o i supersconti sui prodotti tradizionali (come il panettone), e il modello sembra funzionare. Contribuendo a farci sprecare sempre di meno 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *