su Kickstarter nasce la matita ecologica: un seme ed ecco la piantina

sociAle

Alessandro Fumagalli

since 1984, leggo e scrivo e "bloggo" ovunque e in qualunque momento (a volte persino nel sonno 🙂 ). Convinto che "La vita va affrontata anche in salita" ho aperto un sito di ciclismo e sono arrivato alla sala stampa del Giro d'Italia prima di provare a tramutarmi in web copywriter.
sociAle
Matita Sprout

La matita Sprout, che quando viene piantata nella terra.. germoglia

La strada verso un consumo delle risorse più sostenibile passa attraverso il riciclo, certo, ma prima ancora attraverso il riuso. Per questo non possiamo non segnalare il progetto – portato avanti da un gruppo di ricercatori del MIT di Boston grazie a una campagna di raccolta fondi su Kickstarter – di Sprout, la matita che una volta consumata trova una nuova vita se viene piantata nel terreno.

Se da una parte, infatti, c’è la punta; dall’altra (dove di solito si trova il gommino, per intenderci) c’è una capsula che contiene un seme. Quando la matita è troppo consumata per essere usata ancora, basta girarla e piantarla in un vasetto pieno di terra con la punta che guarda verso l’alto; innaffiandola si scioglie il bozzolo che contiene il seme e si dà la scintilla vitale a quello che con un po’ di amorevoli cure diventerà una pianta di basilico, salvia, timo, pomorodo, menta etc.

Ci sono ben 12 tipi di semi!

Un’ idea geniale cui sono bastati 40mila dollari (raccolti grazie al crowdfunding di Kickstarter) per vedere la luce e prosperare, tanto che ora Sprout è una società a tutti gli effetti e ha anche una sede in Danimarca. Speriamo possa presto prendere piede: avete presente quante matite colorate “mangiano” i bambini a scuola? Ecco, pensate se ognuna di esse diventasse una piantina: non sarebbe una prospettiva ridente, oltre che molto positiva per l’ambiente?

Maggiori informazioni a questo link.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *