e-Nable da una mano a chi non ce l’ha

haley fraser

“Una rete di appassionati volontari che utilizzano la stampa 3D per dare al mondo una mano”, questa la loro descrizione. e-Nable nasce quando due sconosciuti, un falegname sudafricano ed un attrezzista scenico  americano decidono di realizzare una mano artificiale per un bambino  in Sud Africa gratuitamente.

Questa nobilissima iniziativa ha dato spunto a pensatori, ingegneri, appassionati di stampa 3D, terapisti occupazionali, professori universitari, progettisti, genitori, famiglie, artisti, studenti , insegnanti ed in tutte le persone che vogliono fare la differenza per creare e dare una “mano” a coloro che ne hanno bisogno.

e-Nable non si limita a progettare, stampare e realizzare protesi su misura per coloro che hanno perso dita e mani, ma insegna tramite le sue guide online a progettarle e a costruirle da sé. Grazie all’innovazione della stampa 3D e soprattutto grazie all’inventività e alla passione di migliaia di persone in tutto il mondo, centinaia di persone che hanno bisogno di costosissime protesi potranno riceverle in regalo o stamparle a casa propria.

Si tratta di semplici protesi meccaniche, basate su un prototipo del 1800, e che quindi consentono solo un numero limitato di movimenti delle dita collegati al movimento del braccio o del gomito, ma per molti bambini rappresentano un cambiamento radicale di prospettiva. Possono inoltre scegliere il colore che vogliono e addirittura personalizzarle.

La ragione per cui e-NABLE sta avendo così tanto successo è che tutti i design delle protesi sono rigorosamente “open source”, cioè sono disponibili gratuitamente sul sito dell’associazione.

Recentemente Hayley Fraser, una bambina di Inverness, in Scozia, nata senza le dita della sua mano sinistra, è diventata la prima del Regno Unito a ricevere una protesi fabbricata attraverso il network online.  Il tutto con 50 € di materiale plastico.

Tutto questo mostra quanto il mondo possa realmente migliorare se sempre più persone collaborassero verso un unico obiettivo.

Federica De Martino

Federica De Martino

scrivo da sempre, ma solo di ciò che mi piace.
non lo considero un lavoro, piuttosto uno sfogo.
le buone notizie sono per me le migliori.
Federica De Martino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *