Qurami, e la fila la fa l’app

sociAle

Alessandro Fumagalli

since 1984, leggo e scrivo e "bloggo" ovunque e in qualunque momento (a volte persino nel sonno 🙂 ). Convinto che "La vita va affrontata anche in salita" ho aperto un sito di ciclismo e sono arrivato alla sala stampa del Giro d'Italia prima di provare a tramutarmi in web copywriter.
sociAle

Un’app gratuita per smartphone che sta rivoluzionando il nostro modo di fare la fila. E’ Qurami, frutto pregiato di una startup lanciata dal 30enne Roberto Macina che si sta facendo spazio a spallate nonostante sia costretta a confrontarsi con l’elefantiaco mondo della burocrazia.

quramiGià, perché Qurami è un’app gratuita per smartphone, e fin qui niente di nuovo, ma funziona solo in quelle strutture (di norma ospedali, anche se potrebbe facilmente essere estesa anche ad altre applicazioni) che hanno deciso di affiliarsi. 

Così facendo, diventano parte di un elenco e di strutture “disponibili”, presso le quali è possibile mettersi in coda prendendo un numerino elettronico.

E’ molto più facile con un esempio: devo pagare il ticket nell’ospedale più vicino a me; lancio l’app, mi geolocalizzo e scopro presso quali strutture posso fare la coda con Qurami. Qurami mi dà un numerino elettronico perfettamente identico a quello cartaceo, e fa la coda al posto mio perché mi indica il tempo di attesa previsto e mi informa con delle notifiche push quando si sta avvicinando il mio turno.

L’ultima parte della coda nessuno riesce ancora ad evitarmela, ma ponendo il caso che avrei dovuto aspettare 30′, avrei avuto a disposizione almeno una parte di questi per andare da un’altra parte a fare delle commissioni senza l’assillo del pericolo di perdere la mia prenotazione.

Geniale, forse troppo. Tanto è vero che, dovendosi interfacciare con una burocrazia come quella italiana, la cosa più difficile per Qurami non è tanto trovare il cliente, quanto ottenere da questo tutti i permessi del caso. Al di là di questo inghippo, però, l’idea è di quelle capaci di cambiare il nostro modo di vivere. Così rivoluzionaria che probabilmente appena finito di leggere questo articolo correrete a scaricarla 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *