Philips, nel 2013 più vendite “green” che inquinanti

sociAle

Alessandro Fumagalli

since 1984, leggo e scrivo e "bloggo" ovunque e in qualunque momento (a volte persino nel sonno 🙂 ). Convinto che "La vita va affrontata anche in salita" ho aperto un sito di ciclismo e sono arrivato alla sala stampa del Giro d'Italia prima di provare a tramutarmi in web copywriter.
sociAle

La sfida del XXI secolo? Provare a far diventare la tecnologia più sostenibile e amica dell’ambiente. Philips è sulla strada giusta: nel 2013 le vendite di prodotti “Green” sono state il 51% del totale. Un sorpasso storico!

philips-eco11.8 miliardi di euro. A tanto ammonta l’incasso dalle vendite di prodotti eco-sostenibili a marchio Philips.

Il gruppo, di matrice olandese, si era posto un obiettivo: arrivare entro il 2015 al superamento delle vendite “Green” sulle altre nell’ambito dell’ambizioso programma EcoVision.

Obiettivo centrato con due anni di anticipo, soprattutto grazie ai prodotti della divisione “ospedaliera” Healtcare: 13 nuove soluzioni introdotte nel 2013 hanno reso ancora più accurati gli esiti clinici e nel contempo centrato l’obiettivo di non impattare sull’ambiente. Merito, in particolare, dei modelli di risonanza magnetica per immagini Philips 1.5T, il cui consumo energetico è stato misurato più basso rispetto a quello delle macchine della concorrenza.

Prosegue anche l’impegno di Philips all’utilizzo di materiali riciclati nel settore Consumer Lifestyle: per produrre gli aspirapolvere nel 2013 sono state utilizzate 330 tonnellate di plastica riciclata, per i ferri da stiro 250.

Il modello di sviluppo occidentale è ancora lontano dal potersi definire sostenibile. Ma se non altro questi dati sono il segno che alcuni colossi hanno cominciato a muoversi nella giusta direzione. Il traguardo di uno sviluppo etico e rispettoso delle risorse ambientali è ancora lontano, ma la marcia per raggiungerlo è cominciata, e sembra ormai inarrestabile e irreversibile.

fonte: eimag.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *