Boston, la ballerina amputata torna a ballare

sociAle

Alessandro Fumagalli

since 1984, leggo e scrivo e "bloggo" ovunque e in qualunque momento (a volte persino nel sonno ūüôā ). Convinto che "La vita va affrontata anche in salita" ho aperto un sito di ciclismo e sono arrivato alla sala stampa del Giro d'Italia prima di provare a tramutarmi in web copywriter.
sociAle

E’ passato meno di un anno: lo scorso 15 aprile, un’esplosione alla maratona di Boston fece ripiombare l’America nell’incubo del terrorismo a 12 anni dallo sconvolgente attacco alle Torri Gemelle.

Fu una strage: 3 morti e quasi 180 feriti, poi una caccia all’uomo conclusasi tragicamente per uno dei due sospetti attentatori e per un uomo della sicurezza del MIT College di Cambridge. Tra quei 180 feriti c’era anche¬†Adrianne Haslet-Davis, una giovane insegnante di danza che nell’esplosione perse una gamba. Ma non la voglia di tornare a ballare.

Gi√† in questo video, che risale all’anno scorso, la ragazza si era dimostrata parecchio determinata a tornare a volteggiare sulle punte.

Ma non bastano i “proclama”: bisogna superare gli annunci e arrivare al momento del fare. Un momento che per¬†Adrianne Haslet-Davis √® arrivato ieri sera, quando la ragazza √® tornata a danzare in diretta TV grazie a una protesi evolutissima realizzata per lei da un’equipe del MIT di Boston.

La sensazione √® indescrivibile – ha raccontato la donna, che √® scoppiata in un pianto a dirotto al termine dell’esibizione – Ho impiegato molto tempo per tornare ad ascoltare la musica dopo la maratona, e riuscire a ballare di nuovo √® incredibile. Sono sempre stata determinata a tornare a ballare, sapevo che ci sarei riuscita, ed eccomi qui: sono una sopravvissuta, non una vittima

fonte: upi.com

fonte: upi.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *