Monza, il 6 aprile tornano le “Pulizie di Primavera”

sociAle

Alessandro Fumagalli

since 1984, leggo e scrivo e "bloggo" ovunque e in qualunque momento (a volte persino nel sonno 🙂 ). Convinto che "La vita va affrontata anche in salita" ho aperto un sito di ciclismo e sono arrivato alla sala stampa del Giro d'Italia prima di provare a tramutarmi in web copywriter.
sociAle

La città è di tutti, ed è il caso che torniamo a ricordarcelo.

Non si tratta di un semplice slogan, ma di una constatazione che significa assumersi la responsabilità di averne cura, un po’ come si ramazza il salotto di casa e si passa il detergente sui mobili della cucina ogni volta che un ospite viene a farci visita.

Una città pulita, in cui tutti collaborano alla creazione e al mantenimento della bellezza, è un luogo in cui diventa più piacevole vivere, oltre ad essere un posto più sicuro e attraente per chi ci abita e per chi ci gravita per lavoro, studio o turismo (con ciò che ne consegue dal punto di vista economico).

fonte: ilcittadinomb

fonte: ilcittadinomb

Presi dalla frenesia di tutti i giorni, o per chissà quali altre ragioni, qualche volta dimentichiamo che la città è di tutti e che è nostra responsabilità tenerla in ordine, e deleghiamo ad altri questo impegno: l’amministrazione comunale, gli “spazzini”, i vigili urbani, etc. hanno sicuramente un compito privilegiato, ma riescono a ottenere il massimo risultato solo grazie alla collaborazione di tutti.

Per questo, può essere importante avere qualcuno che ogni tanto ci dà il pizzicotto giusto, la bonaria tirata di orecchie, utili per rinfrescarci la memoria, smuoverci dalla routine e dalla pigrizia, rimboccarci le maniche e scendere in strada a collaborare, insieme a tanti altri, per tornare a far risplendere le città in cui viviamo.

Succede – anzi è successo lo scorso anno e succederà il prossimo 6 aprile – anche a Monza: la giunta del sindaco Roberto Scanagatti ha confermato infatti anche per quest’anno l’iniziativa “Pulizie di Primavera“. Nel 2013, 1500 cittadini monzesi si sono resi disponibili per pulire le aree pubbliche, sistemare i giardini, tinteggiare i muri imbrattati dai graffiti e dare nuovo colore alle pareti delle aule scolastiche, piantumare migliaia di fuori nelle aiuole e centinaia di piccoli arbusti.

Anche quest’anno si preannuncia una partecipazione molto numerosa dei monzesi, a cominciare dai bambini delle scuole: molte, infatti, hanno accettato l’invito dell’amministrazione a sensibilizzare i più piccoli e le loro famiglie, e già si stanno organizzando in piccoli gruppi di lavoro in vista della giornata di domenica 6 aprile.

Perché avere a cuore l’ambiente in cui si vive, è la più alta forma di rispetto per se stessi. Un concetto che si impara a scuola, ma che si deve tenere a mente per tutta la vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *