Sabato 8 febbraio dona un farmaco a chi ne ha bisogno

È in programma per sabato 8 febbraio 2014 la quattordicesima raccolta nazionale “Dona un farmaco”, iniziativa organizzata dalla Fondazione Banco Farmaceutico e rivolta a coloro che faticano a permettersi anche la minima assistenza sanitaria.

Troppo spesso le situazioni di povertà colpiscono chi ha bisogno di cure mediche costanti per mantenere una buona qualità della vita: “Dona un farmaco” realizzato in collaborazione con Federfarma e Cdo Opere Sociali e supportata dall’adesione di 3.400 farmacie, vuole essere l’occasione per garantire a tutti la possibilità di ottenere le giuste cure mediche grazie all’opera di volontariato.

La locandina dell'iniziativa.

La locandina dell’iniziativa.

L’iniziativa coinvolgerà farmacie distribuite in 95 province e in più di 1.200 comuni, tra cui per la prima volta  anche Crotone, Arezzo, Caserta, Ragusa, la provincia autonoma di Bolzano e la Repubblica di San Marino.

Ad accogliere tutti coloro che vorranno offrire il proprio contributo ci saranno oltre 14mila volontari, pronti a sostenere un progetto che fa bene al cuore oltre che alla salute. Sarà possibile acquistare farmaci OTC, ossia di automedicazione, a beneficio delle oltre 600mila persone che quotidianamente vengono assistite dai 1.506 enti assistenziali convenzionati con la Fondazione Banco Farmaceutico in tutta Italia.

Nei passati tredici anni la Giornata di Raccolta del Farmaco ha ottenuto molto successo: complessivamente sono stati raccolti oltre 3.050.000 farmaci, per un controvalore commerciale superiore ai 20 milioni di euro.

Obiettivo di quest’anno? Polverizzare ogni record e regalare il proprio aiuto!

Mi trovate

Francesca Vergerio

Francesca nasce verso la fine degli anni Ottanta nella ridente, laboriosa e troppo spesso piovosa città di Varese.

Attualmente vive la sua rivalutata vita suburbana e sogna di lasciare il segno nella decadente letteratura italiana con un romanzo “a metà tra la frizzante leggerezza di Sophie Kinsella e l’irriverente cinismo di Woody Allen”.
Mi trovate

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *